Anche se tutti cambiano, dimenticano, cianciano, stravolgono il passato, proprio ed altrui, IO NO !

martedì 27 settembre 2016

E' difficile parlare di chi non c'è più, di chi ha dato la vita per quell'ideale in cui tutti noi crediamo, di chi è stato capace di sacrificare la propria giovinezza in nome di qualcosa di più alto, di più luminoso, di più vero.
E' difficile perché qualunque parola sembra inappropriata se usata per descrivere il gesto di ragazzi come noi, che per il solo fatto di aver scelto quella che molti hanno chiamato e continuano a chiamare la "strada sbagliata", quella più difficile, sono morti a vent'anni.
E' difficile perché di fronte al sacrificio estremo spesso ci si sente estremamente piccoli e inadeguati e qualunque cosa si dica o si faccia sembra sciocca. E' difficile, ma noi vogliamo provarci lo stesso, seguendo quel filo rosso che ci lega a chi ha percorso prima di noi la strada sulla quale stiamo camminando.
Quello che vogliamo dire a Franco, Francesco, Stefano, Alberto e a tutti quelli che sono con loro nella verde valle lontana e senza tempo dalla quale ci stanno guardando, è che noi ci siamo. Con tutte le nostre debolezze, con la stanchezza e lo scoraggiamento che a volte si fanno davvero pesanti, con piccoli sacrifici quotidiani, che non sono niente se paragonati al loro.
Ci siamo, e continuiamo, nel nostro mondo e nel nostro tempo, a percorrere la strada che prima di noi ha visto i loro passi svelti attraversare la vita, consapevoli del fatto che abbiamo scelto di vivere un ideale che va oltre il tempo e oltre la storia, un ideale che ha vissuto in loro e che ora vive in noi.
Ci siamo, e sappiamo che in ogni semplicissimo atto della militanza di ogni giorno, come un'affissione, un volantinaggio, una riunione, un'assemblea, ci sono con noi anche loro.
C'è chi il sangue è chiamato a versarlo tutto insieme e chi goccia a goccia: quando ci sentiamo stanchi e scoraggiati, quando ci assalgono i dubbi sulla scelta della militanza, sarà sufficiente pensare a chi, ragazzo di vent'anni come noi, ha versato il suo sangue tutto insieme e ci ha lasciato il dono più prezioso che si possa mai ricevere: un esempio da seguire.













Una morte rimasta misteriosa
La sera del 4 aprile del 1949 si prospetta tranquilla, al cinema, con la fidanzata, per Achille Billi, un giovanotto di 20 anni, già volontario quattordicenne con il padre Enea (per inciso: Enea ed Achille: quando i nomi avevano un “senso”) nel Battaglione “M” impiegato contro i titini, che al rientro della prigionia è diventato un attivista del MSI (arrestato per un attentato alla sezione del PCI di San Saba), e ha aderito all’Associazione Arditi d’Italia
All’uscita, però, la coppia è fatta oggetto di un’aggressione da parte di tre giovani…Billi si difende egregiamente, e, ad acque calmate, lascia la fanciulla e si dirige verso casa…a quel punto se ne perdono le tracce
La mattina successiva, il corpo viene ritrovato, riverso in una barca, con un fazzoletto tricolore in bocca, “attinto”, come si dice in questi casi, da un colpo di pistola Beretta calibro 9 (che era la sua), alla parte sinistra della nuca…portato in ospedale muore poche ore dopo, senza riprendere conoscenza
Le indagini puntano sulla pista politica da subito, ma dopo alcuni giorni il questore Saverio Polito (quello delle molestie sessuali a Rachele Mussolini) rovescia la frittata e parla di suicidio, ipotizzando, al limite dell’inverosimile, che il giovane si sia dato la morte per passare da “eroe” (?) agli occhi della sua parte politica….pertanto, per quel che riguarda la Polizia, il caso è chiuso
I Carabinieri non sono d’accordo con questa decisione, e propendono piuttosto per la tesi dell’omicidio….sta di fatto che i dubbi, però restano, e sono tanti: il padre nega ogni tentazione suicida del giovane…il comportamento del Billi, nei giorni precedenti, non lascia intravedere alcuno stato depressivo (regolarmente a scuola, al cinema con la ragazza, in giro con gli amici)…gli esami rivelano che l’omicidio/suicidio è avvenuto altrove, e solo dopo il corpo è stato posto nella barca….il colpo di pistola esploso alla nuca…e altro ancora
Giulio Caradonna, che conosceva bene il giovane, ha sempre parlato di “omicidio comunista”, collegato a rivalità tra giovani avversari politici che si conoscevano tra loro (e il riferimento all’aggressione all’uscita dal cinema è naturale)….questa anche l’opinione del padre che, un anno dopo, sulla base di confidenze ricevuta da uno slavo ospite del campo profughi di Fraschette, chiese –senza ottenerla- una riapertura delle indagini
(in: Adalberto Baldoni, “La destra in Italia 1945-69”, Roma 1999)


ABATE ORESTE - CILIVERGHE (BS) 01 OTTOBRE 1950
ADOBATI PIETRO - TRIESTE 05 NOVEMBRE 1953
ALFANO BEPPE - POZZO DI GOTTO (ME) 08 GENNAIO 1993
ALIBRANDI ALESSANDRO - ROMA 05 DICEMBRE 1981
ALIOTTI ANTONIO - ROMA 20 FEBBRAIO 1967
ALVAREZ ALESSANDRO - MILANO 03 MARZO 2000
ANSELMI FRANCESCO - ROMA 06 MAGGIO 1978
ANTONELLI GIULIO - NAPOLI 03 APRILE 1991
ASSIRELLI ORLANDO - SESTO S. GIOVANNI (M) 27 GENNAIO 1946
AZZI NICO MILANO 11 GENNAIO 2007
BASSA ERMINIO - TRIESTE 06 NOVEMBRE 1953
BIGONZETTI FRANCO - ROMA 07 GENNAIO 1978
BILLI ACHILLE - ROMA 05 APRILE 1949
BOCCACCIO IVAN - RONGHI DEI LEGIONARI (GO) 06 OTTOBRE 1972
CALIGIANI ORIO - MILANO 26 GENNAIO 1946
CALZOLARI ARMANDO - ROMA 25 DICEMBRE 1969
CAMPANELLA ANGELO - REGGIO CALABRIA 17 SETTEMBRE 1970
CECCHETTI STEFANO - ROMA 11 GENNAIO 1979
CECCHIN FRANCESCO - ROMA 16 GIUGNO 1979
CIAVATTA FRANCESCO - ROMA 07 GENNAIO 1978
CRESCENZI RODOLFO
CRESCENZO ROBERTO - TORINO 01 NOVEMBRE 1977
CROVACE "MAMMAROSA" RODOLFO - MILANO 03 LUGLIO 1984
DE AGAZIO FRANCO - MILANO 14 MARZO 1947
DE ANGELIS NANNI - ROMA 05 NOVEMBRE 1980
DE NORA PAOLO - SAN GIOVANNI IN MONTE (BO)
DI NELLA PAOLO - ROMA 02 FEBBRAIO 1983
DISCALA ELIO - ROMA 23 GIUGNO 1994
DOMINICI BENVENUTO- REGGIO CALABRIA
ESPOSTI GIANCARLO - PIAN DI RASCINO (RI) 30 MAGGIO 1974
FALDUTO ANDREA
FALVELLA CARLO - SALERNO 07 LUGLIO 1972
FERRARI SILVIO - BRESCIA 18 MAGGIO 1974
FERRAZZI ANDREA - GOA
FERRERO ENRICO - TORINO 24 MAGGIO 1985
FERRI VITTORIO - PISA 15 LUGLIO 1948

GATTI FERRUCCIO - MILANO 27 LUGLIO 1947
GHISALBERTI FELICE - MILANO 27 GENNAIO 1949
GIAQUINTO ALBERTO - ROMA 10 GENNAIO 1979
GIRALUCCI GRAZIANO - PADOVA 17 GIUGNO 1974
GIUDICI BRUNO
GRILZ ALMERIGO - MOZZAMBICO 19 MAGGIO 1987
JACONIS CARMINE - REGGIO CALABRIA 17 SETTEMBRE 1971
LABBATE BRUNO - REGGIO CALABRIA 15 LUGLIO 1970
LOCATELLI "MICHELIN" FRANCO - MONZA APRILE 1983
LUPARA SERGIO - MILANO 26 GENNAIO 1946
MACCCIACCHINI EVA - MILANO 17 GENNAIO 1947
MACCIO' DIEGO - TORINO 24 MAGGIO 1985
MAGENES GIORGIO - MILANO 9 NOVEMBRE 1947
MAINO ANTONIO CALA FIGUERA (SPAGNA)
MANCIA ANGELO - ROMA 12 APRILE 1980
MANFREDI RICCARDO LODI (MI) 03 GIUGNO 1976
MANGIAMELI FRANCESCO - TORRE DE' CENCI (PA) 09 SETTEMBRE 1980
MANTAKAS MIKIS - ROMA 28 FEBBRAIO 1975
MANZI LEONARDO - TRIESTE 06 NOVEMBRE 1953
MATTEI STEFANO - ROMA 16 APRILE 1973
MATTEI VIRGILIO - ROMA 16 APRILE 1973
MAZZOLA GIUSEPPE - PADOVA 17 GIUGNO 1974
MAGGIORIN CLAUDIO - BESANO (VA) 13 GIUGNO 2005
MASSAIA LEONARDO - MILANO 1949
MENEGHINI ENRICO - MONZA 6 FEBBRAIO 1946
MINETTI RICCARDO - ROMA 20 APRILE 1978
MONTANO SAVERIO - TRIESTE 06 NOVEMBRE 1953
MORTARI IGINO - CINISELLO BALSAMO (MI) 28 NOVEMBRE 1947
NARDI GIANNI - PALMA DI MAIORCA 16 SETTEMBRE 1976
NIGRO FRANCESCO - MELISSA 29 NOVEMBRE 1949
PAGLIA FRANCESCO - TRIESTE 06 NOVEMBRE 1953
PAGLIAI PIERLUIGI - BOLIVIA 10 OTTOBRE 1982
PALLADINO CARMELO - NOVARA 12 AGOSTO 1982
PEDENOVI ENRICO - MILANO 26 APRILE 1976
PETRUCCELLI MICHELE - MILANO 14 NOVEMBRE 1947
PISTOLESI ANGELO - ROMA 28 DICEMBRE 1977
PONTECORVO ADRIANA TORINO 01 APRILE 1987
PRINCIPI PIETRO
RAMELLI SERGIO - MILANO 25 MARZO 1975
RECCHIONI STEFANO - ROMA 07 GENNAIO 1978
SANTOSTEFANO GIUSEPPE - REGGIO CALABRIA 31 LUGLIO 1973
SCARCELLA PINO
SCARPETTI ALDO
SPEDICATO WALTER - PARIGI 02 MAGGIO 1992
TANZI BRUNILDE - MILANO 17 GENNAIO 1947
TRAVERSA MARTINO - BARI 13 MARZO 1980
VALE GIORGIO - ROMA 05 MAGGIO 1982
VENTURINO UGO - GENOVA 18 APRILE 1970
VIVIRITO SALVATORE - MILANO 19 MAGGIO 1977
ZAVADIL ANTONIO - TRIESTE 06 NOVEMBRE 1953
ZAZZI EURO - MILANO 03 AGOSTO 1946
ZICCHIERI MARIO - ROMA 29 OTTOBRE 1975
ZILLI EMANUELE - PAVIA 05 NOVEMBRE 1973
ZUCCHIERI MARZIO

E TUTTI GLI ALTRI CAMERATI CHE CONTINUANO A VIVERE IN QUEI CUORI CHE RENDONO LE LORO VITE SPEZZATE, PER SEMPRE IMMORTALI!




La tomba di Leda Pagliuca e di suo figlio Riccardo Minetti, membro di Avanguardia Nazionale,
morto “suicida” in circostanza misteriose in carcere nel Regina Coeli nell’aprile del 1978

Lo Specchio - 11 maggio 1975 




NOI  NON  DIMENTICHIAMO

Gli assassini impuniti....anche quelli di stato!
I responsabili politici di ieri...e pure quelli di oggi!
I traditori di quei giorni......e quelli di oggi!
Acca Larentia : cosa commemorano gli esponenti del potere? 
Il 7 gennaio 1978 , nella sede del MSI , venivano assassinati dalle brigate rosse Bigonzetti e Ciavatta mentre il camerata Recchioni veniva freddato da un ufficiale dei carabinieri con un colpo di pistola mirato , nel corso degli incidenti successivi . Camerata Recchioni , si proprio , come gli altri due . 
Perché Fascisti erano e tali si sentivano . E perché , in quanto Fascisti , sono stati assassinati . E da Fascisti e come Fascisti dovrebbero essere commemorati . 
Certamente qualcuno lo farà , lì dove sono caduti .

ONORE  AI  CADUTI  DI  ACCA  LARENTIA!
ED  A  TUTTI  GLI  ALTRI  MARTIRI .....